Chiamaci: +39 0984 506308

Sicurezza sul lavoro: la corretta postura

La sicurezza sul lavoro comprende anche l’ampio discorso della corretta postura per evitare disturbi muscolo-scheletrici

sicurezza-sul-lavoro-corretta-posturaUna postura corretta non è altro che una postura comoda, che consente cioè l’allineamento naturale di tutte le articolazioni.

In poche parole, una posizione neutra del corpo, ovvero quella in cui le tensioni e le sollecitazioni di tutti i muscoli, del sistema scheletrico e dei tendini diminuiscono.

A tal proposito, per aiutarvi a capire se sul posto di lavoro state adottando la giusta postura, vi proponiamo una serie di domande a seguito delle quali, potrete da soli, correre ai ripari se nelle vostre risposte prevarranno i NO.

Test per la corretta postura sul lavoro:

– il collo viene tenuto in posizione verticale e rilassata, e la testa e diritta (si evita di piegare e/o ruotare il collo)?
– la schiena rimane diritta? Si evita di piegare il torso in avanti o lateralmente (senza sostegno)?
– si evita di lavorare con le mani dietro il corpo?
– si evita di allungarsi eccessivamente?
– i gomiti rimangono al di sotto del livello del petto?
– le spalle sono in posizione rilassata e si evita di lavorare con le spalle sollevate?
– da seduti, si evita di lavorare a lungo tenendo curva la parte inferiore della schiena?
– per le mansioni che si devono svolgere da seduti, sono disponibili sedili? Sedile, schienale e braccioli sono sufficientemente regolabili per adattarsi alle dimensioni corporee individuali?
– si evita di lavorare in piedi su superfici dure, per esempio pavimenti di cemento?”

Nei prossimi post vi illustreremo quali sono le misure preventive da adottare per evitare le brutte conseguenze di una scorretta postura, facendo riferimento alle parti del corpo interessate ai disturbi muscolo-scheletrici.

Un argomento questo, che Emme Ufficio non intende sottovalutare offrendo la conoscenza di base di alcune regole e l’esperienza delle migliori aziende nel campo dell’arredamento da ufficio.

Commenti

commenti